PATATE DOLCI: PERCHÈ CONVIENE INVESTIRE IN QUESTA COLTIVAZIONE?

Le coltivazioni patate dolci  è una sfida che molti paesi africani, soggetti agli eventi climatici estremi con piogge torrenziali e prolungati periodi di siccità, stanno intraprendendo per garantirsi nuove culture e scongiurare lo spettro della fame.

Sono stati infatti nuovi tuberi di patate rosse super resistenti e super nutrienti che possono essere coltivati molto facilmente e con un’ottima resa.

Per coltivare patate dolci in Italia bisogna partire da apposite talee erbacee (ricavate da tuberi in vaso conservati in ambiente caldo durante la stagione invernale) che devono essere piantate a distanza di 70/80 cm in un terreno drenato e ricco di sali minerali. 

A seconda delle condizioni di crescita, la patata dolce impiega dai 2 ai 9 mesi dalla messa a dimora al raccolto.

La pianta non necessita di frequenti irrigazioni, se non nelle prime settimane successive all’impianto,  e di seguito  solo nei periodi di lunga siccità.

Le patate dolci sono  ricche di minerali, vitamine, fibre e antiossidanti ed hanno un indice glicemico più basso, rispetto alle patate tradizionali.

Inoltre, contengono  nella buccia il Caiapo, una sostanza  che ha effetti benefici sulla riduzione del colesterolo.

MACCHINE SCAVAPATATE DOLCI DI CARLOTTI

Da Carlotti trovi una gamma completa di macchine scava raccogli patate dolci che sono state progettate in modo da garantire una raccolta delicata dei prodotti e di ridurre al minimo gli scarti di coltivazione.

Per scoprire i dettagli tecnici delle nostre macchine, visita la sezione dedicata nel sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloInvia